|

condividi su
  
secchezza vaginale

Cosa è la secchezza vaginale?

La secchezza vaginale è un disturbo molto comune nell’universo femminile, specialmente in alcuni periodi della vita e può rappresentare un ostacolo alla serenità della donna, soprattutto per quanto riguarda l’intimità. Le cause di questo fastidioso sintomo sono molteplici, ma fortunatamente oggi disponiamo di presidi terapeutici, non necessariamente farmacologici, in grado di far fronte a questo problema.

La secchezza vaginale è caratterizzata da assente o scarsa lubrificazione vaginale, che determina a sua volta un inaridimento delle mucose e può coinvolgere sia l’interno della vagina che le piccole e le grandi labbra.

Il disturbo è in genere associato ad una sensazione di fastidio, bruciore, prurito ed irritazione. La donna riferisce dispareunia cioè dolore durante il rapporto sessuale soprattutto al momento della penetrazione ed il rapporto può provocare a livello vulvovaginale delle abrasioni che possono sanguinare.

Quali sono le cause della secchezza vaginale?

La secchezza vaginale è spesso collegata a riduzione dei livelli plasmatici degli estrogeni come si verifica in menopausa o in altre situazioni di disordine endocrino come l’amenorrea associata a basso peso corporeo. La riduzione degli estrogeni, comporta una modificazione un assottigliamento degli epiteli che rivestono la vagina, una riduzione delle screzioni ed una modificazione dell’acidità; tutto questo comporta una maggiore vulnerabilità ed una maggiore predisposizione ad infiammazioni.

Nella donna giovane la secchezza vaginale può essere anche conseguente alla chemio e radioterapia nelle patologie tumorale e all’assunzione di alcuni i farmaci tra cui antidepressivi e contraccettivi orali. Infine un’altra causa frequente della secchezza vaginale è rappresentata da un’igiene intima non corretta o eccessiva soprattutto se effettuata con detergenti o lavande inappropriate e troppo aggressive che possono alterare l’equilibrio chimico della vagina che, in condizioni normali, ha un pH di circa 4,5.

Dott.ssa Adriana Spinetti Dott.ssa Adriana Spinetti
Esperta in ginecologia e ostetricia, ha all'attivo più di 150 pubblicazioni mediche e riconoscimenti nazionali e internazionali. E' autrice del blog Benessere in Ginecologia.

Tag: 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*