|

condividi su
  

 

Dispositivo medico che sfrutta le tecnologie di ELETTROPORAZIONE ed ELETTROSTIMOLAZIONE.

ELETTROPOLAZIONE

Mediante l’applicazione di impulsi elettrici di forma d’onda opportuna si crea una temporanea variazione del potenziale transmembrana, che determina un aumento transitorio della permeabilità del tessuto grazie alla formazione di canali acquosi che consentono il passaggio di sostanze a vario peso molecolare direttamente nella cellula, che altrimenti non potrebbero raggiungere il bersaglio.

ELETTROSTIMOLAZIONE

L’elettrostimolazione implica il passaggio di corrente elettrica a bassa tensione attraverso la pelle, allo scopo di stimolare alcune specifiche fibre nervose. Un generatore elettrico viene utilizzato per erogare impulsi indolori, i quali sono percepiti dal paziente come una sensazione di formicolio. Essi consentono di ridurre i segnali di dolore che raggiungono midollo spinale e cervello, alleviando gli spasmi muscolari e altri sintomi dolorosi. Essi, inoltre, effettuano un vero e proprio effetto di contrazione sulla muscolatura, aumentandone il ripristino funzionale.

Caratteristiche della tecnologia 

  • REVERSIBILE: la creazione di pori è transitoria e non porta alla morte cellulare;
  • PESO MOLECOLARE: l’EP si è dimostrata non avere un cut-off di peso molecolare definito, consentendo il trasporto di molecole anche oltre i 20 kDa;
  • PRODOTTO PURO: Le formulazioni liquide o gelificate sono direttamente applicabili sulla cute.

 

Cosa succede nello specifico?

L’applicazione di impulsi elettrici alla cute, e quindi per propagazione alle membrane cellulari provoca una variazione del potenziale trans-membrana che, raggiunta la soglia di 0,5-1,5V, provoca alterazioni strutturali nella membrana e un aumento di permeabilità.

Ciò accade perché si creano:

  • Pori trans-membrana;
  • Perdita parziale della struttura ordinata della membrana.

Le variazioni del potenziale a livello della membrana sono strettamente connesse all’apertura/chiusura dei canali che risiedono sulla membrana stessa; ecco perché i canali (o pori) si aprono durante l’elettroporazione.

Si tratta di un dispositivo non ablativo e non invasivo

Ed è destinato a tutti i ginecologi e andrologi che:

  • si occupano del ripristino funzionale vaginale e del pavimento pelvico;
  • desiderano un dispositivo versatile che permetta sia terapia che estetica.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI CLICCA QUI 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*